Il rientro del terzo stadio del Soyuz-Fregat immortalato da PRISMA

Forse alcuni di voi avranno avuto modo di vedere nella notte tra sabato 24 e domenica 25 Marzo il rientro di un detrito spaziale, il terzo stadio di un vettore Soyuz. Numerose le segnalazioni giunteci. Vi proponiamo l'immagine della scia luminosa immortalata dalla camera PRISMA ITCP01 dell'INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Napoli.

Il relitto spaziale è stato visibile per oltre 50 secondi a partire dalle 3h 25' 25.0" ora locale, solcando una buona parte di cielo a partire da Sud-Ovest (a destra nell'immagine)  ad una altezza di circa 20 gradi per spegnersi a Sud-Est intorno ai 15 gradi di elevazione, muovendosi nel verso indicato dalla freccia rossa. L'apparente curvatura dell'orizzonte è un effetto del sistema ottico della camera. Le luci visibili a destra in basso nella immagine sono nella direzione dei quartieri spagnoli di Napoli, mentre il Vesuvio, non visibile, è ad Est, cioè a sinistra nell'immagine. All’inizio della traccia, a destra, il razzo russo stava sorvolando il Tirreno centrale, all’incirca 150 km a Nord della città di Palermo, mentre alla fine della traccia la Soyuz-Fregat stava ormai abbordando il territorio siciliano attorno alle Isole Eolie.

Vi è capitato di vedere un bolide? Segnalatecelo QUI!

(Crediti: Il team PRISMA dell'INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte è formato da Giulio Capasso, Enrico Cascone e Andrea Di Dato. L'immagine è stata composta da Dario Barghini, Alberto Buzzoni e Daniele Gardiol).